logo

Accordo FDA e Australian Department of Agriculture and Water Resources

03/05/2017 –  FDA: la U.S. Food and Drug Administration ha firmato un accordo con il Dipartimento australiano dell’Agricoltura e delle Risorse idriche riconoscendo i reciproci sistemi di sicurezza alimentare come equivalenti tra loro.

Questa è la terza volta che l’FDA riconosce un sistema di sicurezza alimentare straniero come equivalente: il primo riconoscimento è avvenuto nei confronti della Nuova Zelanda nel 2012, il secondo nei confronti del Canada nel 2016.

Riconoscendo ciascuno il sistema dell’altro, la FDA e il Dipartimento australiano dell’Agricoltura e delle risorse idriche hanno la sicurezza di poter sfruttare le conoscenze scientifiche alla base dei reciproci sistemi regolatori per aiutare a garantire l’efficacia dei propri sistemi di sicurezza alimentare.

In questo scenario, ad esempio, ogni partner intende prendere in considerazione la supervisione dell’altro quando deve decidere l’assegnazione di priorità alle proprie attività di ispezione, ma i vantaggi vanno oltre la gestione delle attività di ispezione.

Ad esempio il riconoscimento dell’equivalenza fra i sistemi stabilisce un quadro per la cooperazione normativa in vari settori che vanno dalla collaborazione scientifica alle risposte da predisporre in caso di epidemie.

Il percorso che porta al riconoscimento dell’equivalenza fra i sistemi prevede lo studio del sistema nazionale di sicurezza alimentare di un paese straniero di cui si vuol verificare la possibile equivalenza per determinare se dispone di un sistema di sicurezza alimentare che fornisca elementi di protezione come quelli previsti dall’FDA.

I sistemi di sicurezza alimentare nazionali forniscono il livello di base della protezione della salute pubblica che aiuta a garantire la sicurezza degli alimenti esportati da quel paese. Il riconoscimento dell’equivalenza fra i sistemi aiuta anche l’FDA a focalizzare maggiormente i potenziali rischi quando pianifica l’ambito e la frequenza delle sue attività di ispezione, comprese le ispezioni sugli impianti esteri e il campionamento sui prodotti d’importazione.

L’FDA operando con il Dipartimento australiano dell’Agricoltura e delle risorse idriche, ha condotto la valutazione per il riconoscimento dei sistemi utilizzando lo strumento International Comparability Assessment Tool.

Il processo di riconoscimento comprende una valutazione approfondita e completa degli elementi chiave a supporto del sistema di controllo della sicurezza alimentare previsto a livello nazionale dal paese preso in considerazione: si valutano infatti le relative leggi e regolamenti, i programmi di ispezione, la gestione delle risposte a malattie ed epidemie alimentari, il rispetto della conformità legislativa, l’organizzazione messa a disposizione e la disponibilità di attività di supporto dei laboratori.

Il riconoscimento dei sistemi è volontario e non è necessario per un paese che intende esportare alimenti negli Stati Uniti. Anche con i Paesi con i quali è stato raggiunto un accordo di equivalenza FDA continua comunque ad avere un’autorità di ispezione sui prodotti alimentari importati da questi Paesi e può esercitare tale autorità secondo necessità.

Le importazioni dall’Australia devono continuare a rispettare i requisiti legislativi statunitensi per garantire la sicurezza e l’etichettatura adeguata ed il rispetto dei  nuovi standard adottati nell’ambito del FSMA.

Fonte: sito FDA

Rispondi

*

captcha *